2019/2020 Musica, maestri!

 

La musica ci circonda. Sta nella voce della madre che culla il neonato. Risuona nel battito del cuore. Trova spazio nel silenzio della notte. Arriva a volte all’improvviso, come gettata a caso nella mente, sempre pronta ad ispirare emozioni. Prende corpo nei passi leggeri o convulsi della danza. Talvolta fa chiudere gli occhi. Tante altre, li spalanca sulla realtà che ci circonda e su quella interiore.

La scelta di esplorare quest’anno il linguaggio musicale è stata ispirata dalla possibilità non di costruire un percorso di “educazione musicale”, apprendimento volontario e consapevole di una tecnica per suonare uno strumento, ma di offrire un’esperienza melodica e multiforme della vita, in cui le diverse lingue vengano esplorate nella loro dimensione squisitamente sonora, in cui si prenda consapevolezza dei ritmi quotidiani e della musicalità che gli oggetti più comuni possono produrre, in cui corpo e voce trovino canali di espressione e creatività inediti, in cui stare in ascolto, attendere in silenzio, sussurrare e cantare facciano parte delle attività quotidiane.

Per questo motivo, un pezzo pop inglese e una canzone rock cinese, Chopin e Nina Simone, l’acqua che gocciola dal rubinetto e il fruscio delle foglie del giardino saranno tutti maestri di musica della Casa Officina.

Thank for sharing!